Le Nostre Borse Preferite:

Borsa Chanel 2.55: Icona Intramontabile di Stile ed Eleganza

Borsa Chanel 2.55: Icona Intramontabile di Stile ed Eleganza

Tra le It Bag più importanti nell’ambito della moda e, soprattutto degli accessori, è inevitabile non citare la bellissima borsa Chanel 2.55. Quest’ultima, oltre ad essere tra gli accessori più amati e desiderati del momento, ha alle sue spalle una storia le cui radici affondano agli inizi degli anni ’30. Infatti, è precisamente in questi anni che la stilista Coco Chanel inizia a lavorare ad un tipo di borsa elegante ma che allo stesso tempo fosse in grado di incarnare una bag pratica e comoda per la quotidianità di ogni donna. Questo progetto vedrà la luce solo venticinque anni dopo, con la creazione, per l’appunto della Chanel 2.55.

La raffinatissima bag Chanel 2.55 è una delle più famose creazioni dell’omonima mademoiselle Coco Chanel e il numero con il quale questo preciso modello compare, 2.55, come molte già sapranno, indica il mese e l’anno della nascita di questa famosa borsa (2 sta per febbraio, 55 per 1955).

 
 

Ti potrebbe interessare anche: Borsa Jackie O Gucci – Una Bag da Vera First Lady

Alcuni Richiami sulle Creazioni di Coco Chanel

A nostro avviso, al fine di comprendere il come e il perchè questa borsa tutt’ora continui a rappresentare una vera e propria icona del fashion world, riteniamo siano d’obbligo alcuni brevi richiami a ciò che di nuovo e di innovativo questa importante figura ha introdotto nella Francia della prima parte del xx secolo.

Coco Chanel

Coco Chanel ha guadagnato la sua grande fama grazie alla creazione di nuovi modelli di abbigliamento e accessori, all’utilizzo di innovati materiali e alla rilettura di capi, a quel tempo tipicamente maschili, in chiave femminile.

Quest’ultimo aspetto lo ritroveremo nello stile alla marinara (in particolare il collo) che ripropone nelle sue linee e l’utilizzo di pantaloni per le donne. Questi elementi, insieme al taglio corto dei capelli, contribuiscono a rafforzare il prototipo garçonne in quegli anni agli albori.

Coco Chanel e il suo stile alla marinara

Per quanto riguarda la creazione di nuovi capi ricordiamo la messa a punto nel 1926 del primo tubino nero e l’entrata in scena del tailleur in tweed scozzese (tessuto in lana). Quest’ultimo prevedeva una gonna di una lunghezza di alcuni centimetri oltre il ginocchio e dalla vita più bassa, abbinata ad una giacca corta e con bottoni dorati, tutti rigorosamente nel medesimo tessuto.

Ma la vera rivoluzione di cui Coco Chanel fu l’artefice, non consiste tanto nelle novità da lei introdotte nel campo della moda, o almeno non solo in quelle, ma nelle idee che hanno ispirato tali nuove tendenze.

Quest’ultime, oltre a scontrarsi con il periodo storico della Francia di quegli anni, ovvero la Belle Epoque, diedero un ulteriore impulso all’affermazione di un nuovo tipo di donna: dinamica, indipendente e lavoratrice. Infatti la nota stilista cercò di tradurre questo nascente spirito nelle sue più personali creazioni, ma soprattutto lavorò alla messa a punto di un tipo di moda che potesse andare incontro alle esigenze più comuni e basilari delle donne di quegli anni.

A questo proposito pensò ad abiti ed accessori che seppur eleganti non ne impedissero una certa libertà di movimento. Chanel era fermamente convinta che les femmes di quel tempo non dovevano più strizzare i loro corpi in odiosi e tremendi corsetti, piuttosto dovevano essere libere di muoversi e di poter così godere in tutta comodità di un abito bello ed elegante. Da qui, la realizzazione di una linea di abbigliamento e accessori pratici e di profonda ispirazione alla vita comune delle persone, pertanto semplici e confortevoli.

Prima di passare alle caratteristiche della Chanel 2.55 vi proponiamo un video sulla biografia e le idee di Coco Chanel:

Caratteristiche principali della Borsa Chanel 2.55

Caratteristiche principali della borsa Chanel 2.55

Quanto detto finora è possibile osservarlo anche in questo fantastico ed intramontabile accessorio. L’esempio più lampante ci viene fornito dalla presenza della catenella, una tracolla che oltre a conferire un aspetto di maggior eleganza alla borsa, soddisfa alcuni requisiti irrinunciabili per Coco Chanel: la comodità e la praticità. Infatti questa semplice tracolla permetteva di indossare l’elegante bag sia a spalla che a tracolla senza essere di impaccio e permettendo così di avere le mani libere.

Ma ora vediamo meglio nel dettaglio le caratteristiche principali di questa borsa e cos’è che la rende così unica ed inconfondibile.

Prima di tutto la stilista volle dare a questa bag del volume e lo poté fare attraverso lo stile matelassé (impuntura a rombi) che riprese dai giubbotti dei garzoni che lavoravano nelle scuderie degli ippodromi. Per quanto riguarda la tracolla, ovvero una catena di tipo regolabile, scelse l’oro come colore per darle un aspetto più prezioso ed accrescerne la sua infinita bellezza. Si dice che per realizzare questa catenella si ispirò a quella dei portachiavi utilizzati dai guardiani dell’orfanotrofio dove visse da bambina.

A completare il raffinato design esterno ritroveremo sia un semplice ma esclusivo Mademoiselle Lock di forma rettangolare che una tasca sul retro per custodirvi denaro o monete. Quest’ultima dalla forma leggermente curvata si dice che richiami l’enigmatico sorriso della Gioconda di Leonardo da Vinci, presenza alquanto ricorrente all’interno dei suoi schizzi.

Interni ed esterni della Chanel 2.55

Anche gli interni, di un bellissimo color bordeaux intenso, sono curati nei minimi dettagli. La stilista, tra le innumerevoli possibilità, scelse questa precisa nuance perché parte dei suoi ricordi di infanzia. Infatti di bordeaux erano le divise dei bambini dell’orfanotrofio che Coco frequentò in seguito alla morte della madre.

La bag si caratterizza anche per la presenza di una tasca sotto la patta di chiusura che incrementa anche il suo lato più funzionale. In merito a questa tasca interna si narra che la stilista fosse solita riporvi le lettere d’amore dei suoi ammiratori.

Le prime borse di questo tipo realizzate dalla maison Chanel furono in jersey, lo stesso tessuto con cui confezionò i suoi meravigliosi tailleur. In seguito, per la loro messa a punto, si ricorse anche all’utilizzo di materiali più pregiati, come pelle di agnello e di vitello.

Oggi questa bag viene continuamente riproposta in nuovi colori e materiali, in parallelo ai trend e alle sfilate che scandiscono il susseguirsi delle diverse stagioni dell’alta moda.

Caratteristiche della Chanel Classic Flap o 2.88

Caratteristiche principali della Chanel Classic Flap o 2.88

All’inizo degli anni ’80 la direzione creativa della celebre maison fu affidata al ben noto fashion designer Karl Lagerfeld. Quest’ultimo alla fine degli anni ’80 decise di rilanciare lo style della borsa Chanel 2.55 apportandovi due piccole modifiche al disegno originale.

Un primo cambiamento interessò la tracolla, ovvero vi inserì al suo interno una sottile striscia di pelle e, come seconda modifica, sostituì il caratteristico Mademoiselle Lock con le doppie C incrociate del logo. Questi due nuovi elementi diedero vita alla famosa Classic Flap (o Chanel 2.88) e permisero un rilancio dell’accessorio nel più ampio mercato della moda.

Karl Lagerfeld direttore creativo Chanel

Nel 2005, per il cinquantesimo anniversario della borsa, Karl Lagerfeld reintrodusse l’iconico accessorio nel mercato, ma questa volta riproponendo il modello ideato dalla stessa Coco Chanel con il nome Chanel 2.55 Reissue (riedizione).

Borsa Chanel 2.55 Reissue

La Chanel 2.88 (11.12) e 2.55 Reissue: Formati, Colori e Materiali

I colori più amati da Coco Chanel furono il nero, il grigio, il beige e il blu, infatti è facile ritrovarli in qualsiasi sua creazione, dagli abiti agli accessori. Di certo, quando pensiamo alla Chanel 2.55 ci viene subito in mente quella di colore nero, ma come molte di voi già sapranno, oggi questa intramontabile bag è stata e lo è tutt’ora, di ispirazione per la creazione di nuovi ed originali modelli.

Alcune di queste borse ripropongono l’autentica Chanel 2.88 in nuove splendide nuance e nei materiali più diversi ma sempre di altissima qualità. Altre ancora – noi le definiremmo di ispirazione – seppur simili al modello originale, si contraddistinguono solo per le loro dimensioni in quanto in fatto di classe e fascino non hanno nulla da invidiare alle loro “sorelle Chanel 2.88”. Nell’immagine che segue ve ne diamo un piccolo assaggio!

La Chanel 2.88 (11.12): Formati, Colori e Materiali
In riferimento ai materiali, la Chanel 2.88 (o Classic Flap) è disponibile in pelle matelassé, pelle martellata, in vernice (anche martellata), in pelle semplice, in pelle effetto metallizzato, pelle martellata ad effetto iridescente, in tweed, in pitone, velluto, tweed con charms, in tessuto ricamato, e in pelle ricamata.

Per quanto riguarda la  Chanel 2.55 Reissue, essa è presente in pelle effetto vintage matelassé, con possibilità di scegliere tra rutenio o metallo dorato per la tracolla e per il famoso Mademoiselle Lock. Inoltre, la borsa in questione è presente anche in vernice martellata.

Per quanto riguarda i colori, la Chanel 2.88 è disponibile in azzurro, argento, grigio, arancione, celeste, rosa, giallo, bianco/nero, multicolore e nero. Invece la Chanel 2.55 Reissue viene proposta in colore nero, arancione e blu.

La Chanel Classic Flap è disponibile in quattro diversi formati, invece per quanto riguarda il modello Chanel 2.55 Reissue, è possibile scegliere tra la piccola, la classica (media) e la grande. Qui di seguito vi riportiamo le dimensioni corrispondenti ai diversi formati disponibili sul sito ufficiale dell’omonimo brand.

Modello Chanel Classic Flap Bag:

  • Borsa Classica Piccola – 14.5 x 23.5 x 6.5 cm;
  • Borsa Classica – 16 x 25.5 x 7.5 cm;
  • Borsa Classica – 20 x 30 x 10 cm;
  • Borsa Classica Grande – 23 x 34 x 10 cm.

Formati Chanel Classic Flap Bag

Modello Chanel 2.55 Reissue

  • Borsa 2.55 Piccola – 16 x 24 x 7 cm;
  • Borsa 2.55 – 17 x 28 x 8.5 cm;
  • Borsa 2.55 Grande – 19 x 32 x 9.5 cm

Formati Chanel 2.55 Reissue

Quanto Costano le Borse Chanel 2.55 e 2.88?

Il prezzo di queste borse rispecchia la quantità di lavoro richiesto per la loro realizzazione, pertanto non sempre risultano essere alla portata di tutte le tasche. Nonostante tutto la Chanel 2.55 è stata, e tutt’ora rimane, un ottimo investimento. Questo perché la bag in questione, nonostante siano passati ben 65 anni dalla sua creazione, riesce ancora ad ammaliare ed affascinare con la sua allure di raffinatezza ed eleganza.

Ma veniamo ai prezzi. Per quanto riguarda il modello Chanel Classic Flap o 2.88 si parte da un prezzo di 3.400 euro per la piccola in pelle matelassé fino ad arrivare ad un prezzo di 4.300 euro per quella grande (disponibile anche in pelle martellata).

Per il modello Chanel 2.55 si parte da un prezzo di 3.55o euro per la versione piccola in pelle effetto vintage matelassé, fino ad arrivare ad un prezzo di 4.300 euro per quella grande. Com’è facilmente intuibile, nel momento in cui si passa a materiali più pregiati il prezzo lievita di pari passo.

Alcuni modelli ispirati alla Chanel 2.55

Modelli ispirati alla Chanel 2.55: Boy e Lego

Nel 2011/2012 Karl Lagerfeld ci regala il modello Boy (dallo pseudonimo di Arthur Edward Capel, ovvero Boy, il grande amore di Coco Chanel) simile nelle dimensioni alla Chanel Flap Bag ma con un taglio decisamente più maschile e geometrico e con l’iconica catenella come tracolla. In seguito, il famoso fashion designer ci fa dono di un nuovo e accattivante modello, la clutch Lego, piccola ma non per questo meno intrigante e affascinante rispetto alle sue antecedenti.

I modelli ispirati alla borsa Chanel 2.55 sono davvero tanti e diversi, ma comunque tutte le bags prodotte dalla nota maison francese si distinguono per i seguenti elementi: l’ottima qualità dei materiali di realizzazione, un’attentissima cura ai dettagli e un design da sogno, tali da renderle icone di un’eleganza senza tempo.

Celebrità in Compagnia della Chanel Classic Flap Bag e 2.55 Reissue

Ora qui di seguito vi presentiamo alcune celebrità del mondo del cinema e canoro internazionali che hanno scelto la bellissima Chanel Classic Flap Bag o l’originale 2.55 (Reissue), per completare il loro outfit, casual o elegante che sia.

Infatti, notiamo come molte di queste star restano letteralmente sedotte dalla chiara raffinatezza di questa bag, nonostante molte volte il loro stile personale sembra seguire tutt’altra direzione. Ebbene sì, la borsa iconica di Coco Chanel  è così affascinante da riuscire a mettere d’accordo davvero tutte!

Diane Kruger con la Borsa Chanel 2.55 Reissue

Diane Kruger con la Borsa Chanel 2.55 Reissue

Blake Lively con la Borsa Chanel 2.55 Reissue

Blake Lively con la Borsa Chanel 2.55 Reissue

Alanis Morissette e la borsa Chanel Classic Flap Bag

Alanis Morissette e la Borsa Chanel Classic Flap Bag

Lady Gaga e la Borsa Chanel Classic Flap Bag

Lady Gaga e la Borsa Chanel Classic Flap Bag

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *